Du TerritoirePolitique

Accordo Stato-Regioni: alla Valle d’Aosta 84 milioni di euro.

Si è concluso positivamente il confronto fra Stato e Regioni e Province autonome in materia finanziaria legata all’emergenza “covid-19”: l’accordo è arrivato al termine della Conferenza straordinaria Stato-Regioni di mercoledì 22 luglio ed è stato sancito, ai sensi dell’articolo 4 del decreto legislativo 281/1997, con atto sottoscritto dal presidente della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano.
Il Governo ha, così, dato via libera alla proposta sostenuta dalle Regioni a Statuto speciale e dalle Province Autonome di Trento e Bolzano che avevano chiesto con forza la compensazione delle minori entrate dovute alle gravi ripercussioni che l’emergenza “covid-19” ha generato sull’economia dei territori, al fine di poter per garantire il finanziamento dei servizi essenziali alla popolazione.

«Sono risorse indispensabili – spiega Donato Toma, presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome – per garantire servizi essenziali ai cittadini, dalla sanità all’istruzione, dal trasporto pubblico locale all’assistenza. Il rischio era di far saltare i bilanci regionali e quindi i servizi resi. È un rischio che non possiamo correre in momento così delicato per il nostro Paese. L’accordo coinvolge sia le Regioni a Statuto ordinario che le Regioni a Statuto speciale e le Province Autonome. È pertanto previsto il riparto del fondo nella proporzione di un terzo per le Regioni a statuto ordinario e due terzi per le Autonomie speciali. Viene così ripartita la quota già assegnata dal decreto legge 34 di 1,5 miliardi di euro per il 2020, assegnando 0,5 miliardi alle Regioni a Statuto ordinario per la compensazione delle minori entrate e il restante miliardo alle Autonomie speciali».

«Il Governo ha nel contempo preso atto che si tratta di uno stanziamento del tutto insufficiente rispetto alla effettiva perdita delle entrate regionali, stimate il 1,7 miliardi solo per le Regioni ordinarie nel 2020 – aggiunge il presidente della Conferenza – si dovrà quindi continuare a definire nel corso del 2020 e del 2021 l’entità effettiva delle mancate entrate. Pertanto, nell’accordo è stabilito, per continuare a garantire gli equilibri di bilancio, di prevedere l’inserimento in un prossimo provvedimento utile dell’integrazione di 1,2 miliardi di compensazione di minori entrate per le Regioni a Statuto ordinario e di 1,6 miliardi per le Autonomie speciali. Sono anche da considerare le minori entrate tributarie, circa un miliardo, derivanti dalla lotta per l’evasione fiscale. Pertanto Governo e Regioni concordano che i rapporti finanziari siano definiti sulla base degli effettivi andamenti dei gettiti».

«Preoccupano i meccanismi di finanza pubblica che bloccano gli investimenti regionali – insiste Toma – è paradossale infatti che, dopo aver dato un contributo fondamentale alla ripartenza, le Regioni non possano anche farsi carico del rilancio economico del nostro Paese, non potendo fare investimenti perché costrette al rispetto dell’equilibrio di bilancio. Quindi le Regioni non possono finanziare spesa corrente per non indebitarsi e sono l’unico comparto pubblico che deve rispettare sia gli equilibri di bilancio che contribuire a precisi obiettivi finanziari già prefissati».

Lo stanziamento di 84 milioni di euro è confermato dalla Regione autonoma Valle d’Aosta che, sottolinea in una nota, “avrà quindi a disposizione 84 milioni di euro in più” anticipando il fatto che “lo Stato si è impegnato entro il 30 novembre 2020, a siglare un ulteriore accordo per l’anno 2021″. La trattativa è stata seguita dal presidente della Regione Renzo Testolin assieme agli altri presidenti delle Autonomie Speciali” e che esprime soddisfazione per il risultato ottenuto.

Articles Similaires
NewsPolitiqueVideo

Referendum - Come si vota?

Continuer
NewsPolitique

Elezioni Regionali - Come si vota?

Domenica 20 e lunedì 21 settembre si vota per rinnovare il Consiglio regionale della Valle…
Continuer
La vie de l'UnionLe ComitéPolitique

Encore une fois, après 75 ans, vive l'Union Valdôtaine!

Dimanche 20 et lundi 21 septembre, la Vallée d’Aoste est appelée à voter pour trois rendez…
Continuer
se sei un autonomista e ti piace il progetto Peuple Valdôtaine Blog
Scrivici!

Saremo felici di contattarti e darti il tuo spazio di espressione