du Conseildu Gouvernement Régional

La Caserma Testafochi trasferita alla Regione autonoma Valle d’Aosta

Un percorso di rinascita per l’ ex Caserma Testafochi, destinata ad ospitare la sede della nuova Università valdostana, ha preso il via questa mattina, mercoledì 28 aprile, con la firma dei verbali di trasferimento dell’immobile dallo Stato alla Regione autonoma Valle D‘Aosta. L’Agenzia del Demanio ha sottoscritto il passaggio di proprietà dell’immobile alla Regione autonoma, portando a compimento l’accordo di Programma siglato nel 2008 tra Agenzia, Ministero della Difesa, Regione e Comune di Aosta.

L’accordo del 2008 prevedeva che l’Agenzia del Demanio cedesse, per conto del Ministero della Difesa, la Testafochi alla Regione Autonoma Valle d’Aosta, in cambio della riqualificazione delle caserme Battisti e Ramires, e dell’eliporto di Pollein, che avrebbero soddisfatto la necessità dell’Esercito di disporre di strutture nuove e funzionali allo scopo di liberare la Testafochi nelle cui aree la Regione intendeva realizzare il polo universitario valdostano.

Si conclude così un intenso cammino di riconversione di strutture non più utili ad esigenze militari ma che ritroveranno una effettiva collocazione nel contesto urbano del capoluogo e in quello culturale della Valle d’Aosta.

Related posts
du ConseilLe groupe ConseillerNews

I lavori del Consiglio Regionale in diretta

IlConsiglioregionaleè convocato mercoledì 21 e giovedì 22 settembre. POTETE…
Read more
du Conseildu Gouvernement RégionalLe groupe Conseiller

Condoléances du Président de la Région Erik Lavevaz et du Groupe Conseiller de l'Union Valdôtaine après le décès de l’abbé Luigi Maquignaz

Le Président de la Région Erik Lavevaz et le Groupe Conseiller de l’Union Valdôtaine…
Read more
du Conseildu Gouvernement RégionalLa vie de l'Union

Aurevoir Mme Zimara

Le groupe de l’Union Valdôtaine du Conseil a le regret d’annoncer le décès de Mme…
Read more
se sei un autonomista e ti piace il progetto Peuple Valdôtaine Blog
Scrivici!

Saremo felici di contattarti e darti il tuo spazio di espressione